“Libertà di pensiero”

"Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo."

Ero un semplice scolaretto delle superiori quando tra i banchi di scuola, e tra il vociare dei miei compagni, udii queste parole pronunciate dalla mia insegnante.
In quella lezione di Filosofia ero impegnato a farmi i fatti miei, come sempre, ma quelle parole mi rapirono. Alzai la mano per sapere di più:
"Prof. scusi, non ho capito bene chi ha detto questo!".
"Se solo tu fossi più attento e ascoltassi, sei sempre con la testa altrove…comunque ".
"Prof. scusi ma non è vero che sono sempre con la testa altrove, solo qualche volta, quindi disapprovo quello che dice, ma ha il diritto di dirlo :)".
"Non mi sembra il caso di essere ironici".
"Non sono ironico. Sono serio."
"Andiamo avanti…"

Quel giorno la mia prof. non aveva capito quanto avessi colto il senso della frase. Forse non era la circostanza migliore per dimostrarglielo.
Fatto sta che questa frase, è sensazionale.
Esprimere il proprio disappunto difendendo il diritto d’espressione delle persone.
Se solo tutti partissero da questo presupposto…
Difendere il diritto delle persone che vogliono esprimere il proprio pensiero, o parere, o i propri ideali.
Si può essere più o meno d’accordo, si può essere completamente su un piano opposto, ma ciò che conta è il poter esporre SEMPRE la propria posizione, senza oppressioni, e senza alcuna censura.

Parlando di questo, mi viene alla mente . Un autore che pochissimi conoscono perchè non viene mai studiato o affrontato nei programmi scolastici. Si uccise buttandosi dalla a Modena nel 1938 come estremo gesto di protesta contro ciò che stava diventando il .
(furono molte le forme di oppressione alla libertà di espressione, durante gli anni del regime)
Formiggini voleva semplicemente esprimere la propria parola e farla dire agli altri. Un ideologia che sicuramente trova fondamento su quanto detto anche da Voltaire.

Quante cose si potrebbero dire e quante testimonianze si potrebbero apportare per quanto concerne il discorso "libertà di pensiero", "censura", ma alla fine solo un concetto conta o dovrebbe contare: essere liberi almeno con le parole!
Arrabbiatevi e siate furiosi per difendere i vostri principi, ma non soffocate mai la parola o qualsiasi mezzo d’espressione degli altri.
(fare e dire tutto sempre nei limiti della correttezza).

Annunci

24 thoughts on ““Libertà di pensiero”

  1. è difficilissimo difendere  e ancor di più afermare le prprie idee per me è una guerra continua
  2. La libertà di pensiero esiste, ma la censura è un’arma a doppio taglio. E’ sempre esistita e sempre esisterà. Ha un suo scopo se funzionale. ma oggigiorno… Purtroppo se ne abusa. Ma ogni tanto possiamo provare ad allentare il bavaglio che cercano di metterci alla bocca!
    Fab
  3. per fortuna nel mondo occidentale, anche se ancora con molte limitazioni, possiam dire di aver abbastanza libertà di pensiero. Complimenti anche per questo post, parli sempre di argomenti interessanti e li narri come un giornalista di esperienza decennale. Complimenti.

  4. la libertà di pensiero è il diritto maggiore che l’uomo possa avere. Grazie al Sessantotto questo diritto è migliorato molto e ha avuto molte conquiste ma la strada da fare è ancora lunga. Come hai descritto tu molte persone hanno perso anche la vita per ciò e grazie a loro abbiam avuto noi le conquiste desiderate.

  5. daccordissimo con qsta frase,e’ giusto che ogni persona debba esprimere il suo giudizio e parere,ma soprattutto è anche giusto rispettare le decisioni altrui.
    A volte con le parole è facile ,ma molte persone vogliono a tutti i costi imporre il loro pensiero…….ed io divento una bestia quando ne becco una!!!!
    Ciao e felice weekend
    SAra
  6. mi hai fatto venire in mente l’attimo fuggente, non so perchè…
    c’è molto da riflettere leggendo questa frase, in molti affermano la validità e la giustizia della libertà di pensiero eppure in pochi sanno realmente viverla
    un bacio
  7. ciaociao, passavo d qui e ho visto l’immagine che hai all’inizio, un vero spettacolo naturale;-)
  8. Hai ragione Franza…
    infatti questo intervento è da monito anche per me stesso, come ho detto in un commento qua sotto.
    Mantenere la "retta via" nei dibattiti è cosa veramente ardua!!!
    Ma almeno ci si prova, o quanto meno si cerca di saperlo. L’importante è essere consapevoli di avere un atteggiamento sbagliato quando non si è linea con quanto detto nel mio intervento 😉
    Ciaooooooo
  9. Oh sìsì, ma anche senza scomodare Formiggini, basta vedere quello che noi non facciamo ogni giorno. Quanto realmente diamo peso alle opinioni degli altri? Parliamo tutti di libertà d’espressione e siamo sempre tutti d’accordo, ma prendi la situazione più comune e banale…quanto davvero ci comportiamo così come sbanderiamo?
  10. A prescindere dal tema principale del tuo intervento e del concetto di libertà di pensiero e d’espressione, vorrei soffermarmi in particolar modo su quello che è, a mio parere, il personaggio più ingiustificatamente omesso del panorama storico italiano. Al di la delle leggi di Norimberga, dell’apologia del Fascimo e dell’antisemitismo che caratterizzavano il tempo, quella di Formiggini fu una figura importante anzi essenziale per sottolineare temi che sempre più vengono trattati e contemplati sui libri di storia: nazionalismo, anzi patriottismo, anzi amor di Patria.
    Nato da una famiglia di religione ebraica, l’editore di Collegara ha esternato ciò che significa realmente proclamarsi detentore di un amore, possessore di sentimenti e valori irrinunciabili. Al grido di "Italia, Italia, Italia", e stanco, ostile alla negazione della sua essenza, della sua personalità, di se stesso, ha proteso la sua vita a Dio (l’unico in grado di determinare davvero a chi occorre appartenere, a quali nazionalità, valori, categorie essere attribuiti) buttandosi dalla torre della Ghirlandina, a Modena. Lui, come molti hanno tentato di fare, ma più sommessamente, ha così voluto richiamare opinione pubblica nazionale sul concetto d’antisemitismo in Italia, diventato ben presto vera a propria legge. Dunque, mi stupisco come determinati gesti eclatanti, meritevoli d’ogni attenzione, possano essere messi da parte, anzi annullati, a discapito di una storia che non ci è stata raccontata del tutto, mai. Dalle Foibe allo stesso Formiggini, la presunta storia del nostro paese, ancora una volta, viene raccontato, dopo essere stata rielaborata, da personaggi i quali intendono mutare il passato per assurdi, sciocchi giochi di potere, o chissà quale altra malata intenzione pressocchè mitomane. Nel nostro passato vi sono state ingiustizie, stragi, spargimenti di sangue ingiustificati ed esso, spesso, è morto assieme a loro. Oggi ce lo stanno uccidendo una seconda volta.

  11. I pensieri volano liberi, s’intrufolano dentro di noi, finchè non ne creiamo quasi certezze, almeno in apparenza, almeno per chi le pensa.
    Ci distinguiamo gli uni dagli altri proprio per i nostri aspetti, quelli interiori. Sai che noia sarebbe se la pensassimo tutti allo stesso modo?!?!
    Ma, come hai detto tu, come disse anche Voltaire, ciò che conta è che siano rispettati i pensieri altrui.
    Le idee, le riflessioni, i punti di vista, in quanto tali, vanno esaminati e considerati per validi anche se non la pensiamo nel medesimo modo. Questo problema mi riguarda un bel pò da vicino, tematica per cui ho lottato dopo i risultati della prima prova della maturità.
    Secondo qualcuno, i miei pensieri non andavano bene, convergevano dall’altra parte della strada, quella più corretta, quella che rappresentava l’opinione del professore che doveva giudicare. Giudicare…sì, ma non il pensiero. Quello non puoi toccarlo. Chi dice che sia il suo più corretto del mio? Chi è lui per esserne così certo? Mi sono battuta a fondo per quell’insufficienza che ha eclissato il mio 9 in italiano…eppure è stato lui a vincerla. Perchè? Non lo so. La solita storia del "potente" che gioca la sua sfida con chi è il "debole".
    Le idee non vanno toccate!!!    …infatti ora parto col ricorso…  =@   Che rabbia però!
    Ciao…
        …Jessica!
  12. Grazie Floriana per il commento.
    Soprattutto grazie aver inserito quei versi di Formiggini.
    Ed io che pensavo non lo conoscesse nessuno…
    Ammettiamolo: "ma il silenzio dei morti rimbomba nel cuore dei vivi" —–> pesantissimo!!! verissimo!!!
    Un grande!!!
     
    grazie Flo 😉
     
  13. Ciao,interessantissimo post . Devo dire che ho sempre appoggiato questo pensiero libero,anche al mio lavoro.Da quando liberamente espongo la mia approvazione o disapprovazione senza preoccuparmi ,di nulla e nessuno, il "clima lavorativo"è migliorato molto.Anche la libertà nel manifestare la mia fede ha migliorato la mia vita…  ti rispondo proprio con una frase di Formiggini:
    ”Nè ferro nè piombo nè fuoco
    possono salvare
    la libertà, ma la parola soltanto.
    Questa il tiranno spegne per prima.
    Ma il silenzio dei morti
    rimbomba nel cuore dei vivi”.
    (Angelo Fortunato Formiggini)
     
     
    Libertà,liberi nella parola e in qualsiasi forma di espressione ma nel rispetto dell’altro.
     
     
     
     

    La nostra Costituzione recita all’ Art. 21.

    Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.(…)
                           Costituzione federale della Confederazione Svizzera Art. 31 Privazione della libertà

    1 Nessuno può essere privato della libertà se non nei casi previsti dalla legge e secondo le modalità da questa prescritte.(…)

  14. è bello vedere ke ci sono  ancora persone sensibili come te, cogliere determinate sfumature non è da tutti….
    questo  è davvero un  post interessante, non so come ti escano certe cose, ma mostrano davvero la bella persona che sei….
    fare 4 chiacchiere cn te a voce sarrebbe davvero costruttivo.
    Qst post è belllissimo e il tuo blog m piace sempre di più, mentre nel mio perdo l’ispirazione e nn so più ke scrivere :-D.
    P.S. è vero ed è GRAVEEE… baci dani 
  15. Bravo Dani, ottimo argomento!
    La libertà di pensiero, espressione e parola non è stata affatto scontata fino a poxche decine di anni fa. Penso a tutti i milioni di vittime che hanno fatto le ideologie. Ma anche alle chiacchiere con amici/conoscenti, che a volte si tramutano in discussioni accese perchè c’è sempre qualcuno che non vuole ascoltare  le opinioni degli altri.
  16. Bravissimo Dani,mi piace molto questo post.
    Già, difendere le proprie idee ed ascoltare gli
    altri anche se non siamo d’accordo…Ma perchè molti
    non lo fanno e sovrastano la nostra voce senza
    ascoltarci?Essere interrotta quando parlo mi fa a dir
    poco "incavolare",per non usare altro termine,perchè
    significa che a colui/ei che parlo di quello che dico non
    gliene importa un fico secco!
    Cmq io continuerò ad ascoltare gli altri,anche perchè
    è nel mio carattere e mi auguro che quancuno,ogni
    tanto,ascolti anche me.
    Un bacio….Cinzia.
    P.S.Nel tuo space ci vengo sempre molto volentieri,
           i tuoi post sono molto interessanti.Bravo!
  17. e già ognuno è libero di esprimere le proprie epinioni come + crede ….
    ma sempre con criterio educazione e rispetto verso ji altri con le parolaccie nn si conclude nulla secondo me
     
    buona giornata dani
    🙂
     
    kiss lunaspenta
    by by
  18. Anche a me capita di andarci giù pesante a volte, e proprio di recente è capitato, ma ho fatto autopunizione.
    E questo intervento lo scirvo anche per me!!!!
    Mi fa piacere conoscessi Formiggini!!! BRAVO!!!
  19. …è prioprio la capacità di pensare  e di esprimersi che rende l’uomo libero, e questo lo diffendo anch’io ma non sopporto quando si vuole imporre a tutti costi i propri pensieri…….
    Un bacione e buona giornata. Rosy
  20. Eh x davvero… Però oggi è così difficile!!! Mi metto in ballo anch’io, xchè a volte vado un po giu pesante su chi non la pesa come me… anche se non ho la pretesa di essere sempre dalla parte della ragione.
    Bisognerebbe sempre  ricordarci che cmq, il dibattito è sempre un arricchimento!!!
    Buona giornata!!!
     
    Ps: io Formiggini lo conoscevo, xchè ho fatto un seminario sulle leggi razziali     ^_^
  21. .. le parolacce valgono?? no perchè stamattina avrei giusto due cosine da esporre al mio capo.. con educazione si intende… e due imprecazioni di quelle leggere per rendere l’idea!!… ihhiihihiihihihihih.. mia scemenza a parte sarebbe davvero meglio se tutti oltre a potersi esprimere liberamente imparassero anche ad ascoltare e valutare i punti di vista degli altri… è crescita e apertura mentale.. un basin
  22. bellisssimo quello ke dici dani… beh, del resto, una delle cose in cui credo di + è ESSERE SEMPRE SE STESSI… ke poi riporta 1 po’ a questo, xkè essere se stessi ci porta ad esprimere le nostre idee, a confrontarci cn gli altri, a trovare sempre nuovi stimoli… se fossimo ttt uguali o la pensassimo ttt allo stesso modo, sai ke noia??? quindi, è bene dire sempre quello ke si pensa, la nostra opinione personale, anke se può sembrare stupida o banale va difesa e portata avanti, sempre cn rispetto ovviamente!
     
    NON HO VOGLIA DI FAR NULLA STAMANIIIII (se mi sente il mio capo, disapproverà quello ke dico, ma nn potrà impedirmi di drlo… giusto?? ahahahah!!!)
     
    baciottoliiiiiii, buona giornata ^^
  23. sai che mi mancava questa citazione?
    è molto bella, a dire il vero la cosa che mi colpisce ancora di più del suo significato, è l’altruismo che ne emerge.
    Non solo un inno alla libertà di parola, ma un’espressione di grande tolleranza nei confronti del DIVERSO pensiero altrui.
    buona giornata dani 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...