“Il Gioco dell’Angelo”

il-gioco-dell-angeloDi Carlos Ruiz Zafon, avevo letto un paio d’anni fa L’Ombra del Vento. Poi qualche mese fa l’uscita del suo nuovo romanzo Il Gioco dell’Angelo.
Proprio ieri ho finito di leggere quest’ultimo. Resto ancora della mia opinione: questo scrittore è un fenomeno. Riesce a creare delle storie lunghissime e articolatissime con colpi di scena inaspettati, e con uno stile di scrittura capace di tenerti incollato al libro per ore.
E così è stato anche in questi giorni, proprio come due anni fa.

Quasi 700 pagine che diminuiscono di ora in ora molto velocemente.
Spiegare ciò di cui si parla è molto molto difficile, proprio perchè c’è una rete intricatissima di avvenimenti, personaggi, luoghi e quant’altro.
Ma ciò che rende straordinario questo libro, a parer mio, sono gli ingredienti di cui è ricco: il desiderio del protagonista di riscattarsi, l’amicizia, l’amore, il mistero, la paura, il coraggio.

David Martin, il personaggio narrante e protagonista, si troverà ad accettare un offerta di lavoro: scrivere un libro su una nuova religione. E’ l’occasione migliore che ha per riscattarsi dai suoi fallimenti di scrittore degli anni precedenti. Ma il suo principale e committente, un certo Andreas Corelli, è un uomo avvolto nel mistero, che nessuno sembra aver mai conosciuto. Poco dopo, David scopre di abitare in una casa in cui qualche anno prima, un altro uomo, pure lui scrittore, Diego Marlasca, si ritrovò a ricevere la commissione di scrivere un libro dallo stesso uomo.
David decide di indagare e scoprire cosa sta succedendo alla sua vita, che ormai sembra indirizzata sullo stesso binario del Signor Marlasca.
Da questo momento, comincia ad aprirsi una lunga serie di enigmi e coincidenze che hanno dell’incredibile.
David, inoltre, è una persona che non trova scopo nella sua vita, se non grazie alla presenza della donna che ama da sempre: Cristina Signier. Un amore per lo più impossibile, quasi mistico, una donna che sarà invece destinata a finire tra le braccia del suo più caro amico: Pedro Vidal.
Durante le sue ricerche, David rimane coinvolto in una serie di delitti: ogni volta che lui fa visita a qualcuno per scoprire qualcosa di più sul lavoro commissionatogli, questo qualcuno puntualmente muore misteriosamente.
David diventa così il primo indagato dalla polizia che non aspetta altro che un suo passo falso per arrestarlo.
Mano mano che ci si avvicina alla fine, il protagonista riuscirà a scoprire ciò che lo lega ad Andreas Corelli, alla sua casa, a quell’uomo che anni prima proprio come lui visse la sua condizione; riuscirà persino a capire cosa è e cosa sarà del suo amore per Cristina, della sua amicizia con Pedro Vidal, ma… quale sarà il prezzo da pagare per tutto questo?

Credetemi se vi dico che questo romanzo merita sul serio. Credetemi se vi dico che il mio breve riassunto non potrà mai rendere l’idea di ciò che è questo libro. E’ impossibile poter raccontare bene la sua storia, è impossibile presentare la miriade di personaggi che s’incontrano mentre si legge, è impossibile descrivere tutti i fatti narrati nel modo prezioso e minuzioso con cui lo fa Zafon.

L’unico modo che avete per farvene un’idea, è comprarlo e leggerlo.

21 thoughts on ““Il Gioco dell’Angelo”

  1. Pingback: Le Luci di Settembre di Carlos Ruiz Zafon. Che delusione! « Orietur in tenebris lux tua

  2. Ciao, non mi conoscerai sicuramente…..xò posso solo dirti k sn una grande stronza xk mi sono lasciata scappare il ragazzo a cui tenevo tantisssimooooo!!!!e ora sn qui a rimpiabngere il fatto k ho fatto l’errore + grande della mia vitaaaa….povera me!!!Spero tanto di trovarne un altro, xk mi manca e ho paura di tornare da lui xk lui potrebbe rifiutarmiiii…c’ho tanta pauraaaaa….Lui era il mio angilettoo, pensa k si kiamava ank angelo, come mio padre, k sfortuna!!!passa da me qnd vuoiii,…ciao

  3. No che non mi sono arrabbiato…davanti a sentenze così culturalmente basse neanche perdo la pazienza, anzi guadagno fiducia in me stesso.

    Rob, ma vatti a scopare il mare ahahahahahhahaha

  4. ahahahha….scusa ma…..dev’essere polacca anche questa…….(con tutto il mio rispetto per le polacche….la mia è solo una citazione e tu lo sai ;))

    PS: Ma dimmi tu che riesci a farm scrivere commenti anche nei post dove non saprei commentare….

  5. sembra interessante..io sono indietrissimo coi libri, però lo segno…ho un taccuino con quelli da comprare!
    Al momento ne ho 4 da leggere, oltre a quello in corso!!
    però, con calma, si fa tutto…questo post di sicuro mi ha fatto venir voglia di leggere il libro..ribadisco che ti vedo benissimo come recensore!
    ciao!!!

  6. cara Lucrezia tutta una merda come il tuo modo di scrivere e di esprimerti!!
    Vai bella, vai a giocare con le bambole!!

  7. ma sinceramente appartel’intervento sl canee !!!……………il resto tt na merdaaaaaa…………….!!!!!!!
    23/1/09=)

  8. appena finisci di leggere il suo libro addirittura ti "manca"…

    E’ verissimo!!! Ti do pienamente ragione!!!

  9. ciao passavo di qui è ho letto il tuo intervento sul libro… Anchio lo sto leggendo e sinceramente nn riesco a smettere appena trovo 1 momento disponibili corro a prendere il libro… Ho letto anche l’ombra del vento… Zafon è 1 asso… riesce a imprigionarti nel racconto che appena finisci di leggere il suo libro addirittura ti "manca"…

  10. Grande Martina!!!
    Sono contento che anche tu l’abbia letto e finito. Come me hai colto le magnifiche descrizioni di Zafon. Anche io spero di non dover aspettare anni prima di leggere un nuovo capolavoro😉

  11. ciao,ho finito il libro già da 1paio di giorni ma volevo cmq scrivere cosa mi è sembrato,come mi avevi chiesto. Devo dire che sarei solo 1ripetizione di quello che hai detto,non si puo’ descrivere a parole,si puo’ solo leggere.Posso solo aggiungere che mi "manca" molto,era un pensiero fisso e il resto andava in secondo piano.In particolare pero’ mi è piaciuto,proprio per sottolineare la bravura dell’autore,il modo in cui ci ha raccontato questa storia più che i tanti colpi di scena che la rendono alquanto singolare,parole,frasi descrizioni e dettagli che hanno fatto la vera differenza.Se ci penso ricordo prima questo della trama.Complimenti zafon,e scrivicene presto un altro!!!

  12. ti ho appena lasciato quel megacommento su harry potter ma vedo ke almeno su questo siamo proprio d’accordo,dopo l’ombra del vento non vedevo l’ora di poter finalmente leggere ancora zafon,per me è fenomenale ma l’ho cominciato ieri e non ho letto tutto l’intervento per evitare che potessi rivelarmi qualcosa.Sto all’incirca a metà libro ma potrei già usare le tue ultime 4righe per descriverlo.Strano pero’ che direi proprio lo stesso di Harry,tutti e 7 pero’ se no niente,fidati allora!

  13. L’ombra del vento me lo sono divorato!!! Hai ragione. Zafon ha la capacità di catturarti ed incatenarti alla narrazione in un modo unico! Sicuramente lo leggerò…è nella mia lista da un po’…

  14. mamma mia dani, sembra davvero bellisssssimo!!!
    appena sn un po’ + tranquilla mi sa tanto ke me lo prendo😉
    grazie x il consigliooooooooooo!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...