“I blog non hanno le stesse garanzie della stampa”

Nella giornata di ieri c’è stata una sentenza che riguarda un pò tutti i blogger e tutti coloro che fanno utilizzo di qualsiasi strumento multimediale per scrivere i propri pensieri in rete.
A Marzo del 2008, il sito dell’ (ASSOCIAZIONE PER I DIRITTI DEGLI UTENTI E CONSUMATORI), venne sequestrato dalla Procura di Catania per <<vilipendio alla religione>>, in quanto sul forum comparivano messaggi giudicati offensivi che dovevano essere eliminati (gli utenti avevano postato commenti sullo scandalo dei preti pedofili ritenuti offensivi verso il comune sentimento religioso).
Ovviamente l’Aduc, non essendo d’accordo, ha fatto ricorso in Cassazione sostenendo che tale decisione violava la libertà di espressione e di manifestazione del pensiero.
Ieri la sentenza della Superma Corte ha respinto il ricorso confermando che alcune pagine del sito Aduc venissero sequestrate e ad alcuni messaggi eliminati.
Inoltre: “Forum, blog, news letter, news group e chat non sono sottoposti alle regole e agli obblighi cui è soggetta la stampa (come registrare la testata e indicare un direttore responsabile). Quindi non possono neanche appellarsi alle tutele riservate a garanzia della libertà di stampa”.
In poche parole i siti internet, tra cui anche i blog, non possono essere equiparati alla stampa e, quindi, nel bene e nel male, sottostare alle sue leggi.

Al riguardo io credo che nessuno possa paragonare ciò che viene scritto sul web a quanto viene pubblicato e registrato sulle testate giornalistiche. Certamente tutti i media sono esenti da obblighi legislativi.
E’ anche vero però che i blog, forum ed altri, hanno una portata informativa sempre più crescente; sono capaci di trascinare a sè moltissimi utenti e moltissime considerazioni, che spesso, oltre a sfociare in messaggi offensivi passano anche inosservati a chi di dovere.
Penso quindi sia giusto limitare quei luoghi in cui si viene a creare solo un pretesto per dare libero sfogo ad offese gratuite, ma sono assolutamente contrario al fatto di limitare la libertà di espressione degli individui soprattutto se questi si esprimono con rispetto e con cognizione di causa, e di questo ne avevo parlato anche tempo fa in un altro post (LIBERTà DI PENSIERO).
Da modesto blogger, quale mi ritengo, penso che nonostante la legge imponga un valore pari a zero ai blog e a ciò che in essi vi è pubblicato, essa non può esimersi dal riconoscere la volontà di espressione degli utenti e il diritto che essi hanno di farlo.
Oltretutto, come sempre, non appena qualcosa riesce ad avere una portata informativa e comunicativa devastante, subito subentrano dall’alto per imporre limiti o svalutarne l’efficacia.
Mettere a tacere milioni e milioni di blog però, la vedo abbastanza dura.

Annunci

7 thoughts on ““I blog non hanno le stesse garanzie della stampa”

  1. NN CI ZITTIRANNO MAIIIIII!!!
    skerzi a parte… credo ke i blog stiano diventando un fenomeno quasi ingovernabile, ke serva del controllo sicuramente in tutela di noi blogger, ma nn certo x zittirci… ci mankerebbe!! ci vogliono RISPETTO ed EDUCAZIONE, ha detto bene rosy!! detto qst, ci devono lasciare in pace…!!

  2. …. sono per la libertà di pensiero….sempre accompagnata dal rispetto, educazione e buon senso….
    Caio dani.
    Rosy.

  3. io credo che ogni persona debba utilizzare il buon senso… quando questo viene meno allora è giusto intervenire.
    bacio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...